Future Manager Italy Insights

Evoluzione industriale attraverso l’Integrazione di Soluzioni 4.0

Posted in
thisisengineering-raeng-IpTPp_aPbYE-unsplash-1024x683

Author: Future Manager Research Center

L’ industria 4.0, anche nota come quarta rivoluzione industriale, ha preso piede a tutti gli effetti, per questa ragione le industrie necessitano di puntare verso la digitalizzazione se vogliono rimanere competitive, agili ed efficienti. L’industria 4.0 porta l’enfasi sulla tecnologia digitale degli ultimi decenni a un livello completamente nuovo con l’aiuto dell’interconnessione attraverso l’Internet of Things (IoT), un concetto che si riferisce ai collegamenti tra oggetti fisici come sensori o macchine e Internet. Ma non solo, il nuovo approccio digitale interessa anche l’accesso ai dati in tempo reale e l’introduzione di sistemi cyber-fisici, il tutto per portare ad una produzione industriale del tutto automatizzata e interconnessa.

Le nuove tecnologie digitali hanno un impatto profondo per quanto riguarda l’utilizzo dei dati, la potenza di calcolo e la connettività, che si declinano in big data, open data, machine-to-machine e cloud computing. Una volta raccolti i dati, bisogna però ricavarne valore: oggi solo l’1% dei dati raccolti viene utilizzato dalle imprese, che potrebbero invece ottenere vantaggi a partire dal “machine learning”, cioè dalle macchine che perfezionano la loro resa imparando dai dati via via raccolti e analizzati. Si tratta di una sfida che è anche culturale, a cui trasversalmente è chiamato il tessuto imprenditoriale di piccole e medie imprese insieme ai soggetti pubblici e privati.

A cambiare è anche l’attitudine e i requisiti che sono richiesti ai professionisti 4.0: essi sono chiamati a maneggiare queste recenti tecnologie e, allo stesso tempo, a trasformarsi in analisti per mettere a punto formule innovative in grado di trarre frutto della mole dei big data che costituiranno la “memoria collettiva”. Le conoscenze e le abilità richieste per affrontare queste sfide sono sempre più elevate e gli ingegneri devono affrontare scenari di complessità crescenti: il loro compito è quello di guidare e accompagnare gli imprenditori nel processo di crescita e cambiamento.

Tirare delle conclusioni affrettate su quanto beneficerà questa nuova rivoluzione è forse prematuro, un dato certo però è alla portata di tutti: durante la pandemia da COVID-19 la nuova industria e le tecnologie ad essa collegate si sono rivelate fondamentali per contrastare la crisi. Essere 4.0 in tempi di pandemia non è più opzionale, infatti gli investimenti in tecnologia digitale hanno garantito continuità industriale anche in presenza dell’emergenza sanitaria. Le aziende che hanno implementato tecnologie per la digitalizzazione del processo hanno avuto una sorta di vantaggio competitivo, un’accelerazione verso una nuova normalità in termini di produttività e competitività.

Alla luce di questa analisi una cosa è certa: l’azienda ideale di oggi unisce l’eccellenza dell’ingegneria industriale all’innovazione tecnologica. Il candidato più appetibile è invece colui che ha la padronanza delle applicazioni informatiche che governano le macchine e i sistemi automatici destinati ai più diversi tipi di produzione delle aziende coinvolte nell’innovazione dell’industria 4.0.